Neurobase.it
Xagena Mappa
Tumori testa-collo
Xagena Newsletter

Trattamento con anchilostomi per la sclerosi multipla recidivante


Alcuni studi suggeriscono che i vermi intestinali inducono risposte immunitarie che possono proteggere dalla sclerosi multipla.
Per le attuali conoscenze, non ci sono studi clinici controllati di trattamento con elminti nella sclerosi multipla.

Si è determinato se il trattamento con anchilostomi abbia effetti sull'attività alla risonanza magnetica ( MRI ) e sulle cellule T regolatorie nella sclerosi multipla recidivante in uno studio di 9 mesi in doppio cieco, randomizzato e controllato con placebo, condotto tra il 2012 e il 2016 in una popolazione intention-to-treat ( ITT ) modificata presso la University of Nottingham, Queen’s Medical Centre, un unico Centro di riferimento.

I pazienti di età compresa tra 18 e 61 anni con sclerosi multipla recidivante senza trattamento modificante la malattia sono stati reclutati dalla clinica per la sclerosi multipla.
73 pazienti sono stati sottoposti a screening; di questi, 71 sono stati reclutati ( 2 non erano idonei o hanno rifiutato ).

I pazienti sono stati randomizzati a ricevere 25 larve di Necator americanus per via transcutanea oppure placebo.
Le scansioni MRI sono state eseguite mensilmente durante i mesi da 3 a 9, e 3 mesi dopo il trattamento.

L'endpoint primario era il numero cumulativo di lesioni nuove / in fase di ingrandimento in T2 / nuove lesioni captanti in T1 al mese 9.
L'endpoint secondario era la percentuale di cellule T regolatorie del CD4+CD25(alto)CD127(negativo) nel sangue periferico.

I pazienti ( età media 45 anni; 50 donne, 71% ) sono stati randomizzati a ricevere anchilostomi ( 35, 49.3% ) oppure placebo ( 36, 50.7% ).
66 pazienti ( 93.0% ) hanno completato lo studio.

Il numero cumulativo mediano di lesioni nuove / ingrandite / captanti non è risultato significativamente diverso tra i gruppi secondo i test U di Mann-Whitney pianificati, che perdono potenza con dati legati ( numero elevato di MRI ad attività zero nel gruppo con anchilostomi, 18/35, 51.4%, versus 10/36, 27.8%, nel gruppo placebo ).

La percentuale di cellule T CD4+CD25(alto)CD127(negativo) è aumentata al mese 9 nel gruppo con anchilostomi ( anchilostomi, 32, 4.4%; placebo, 34, 3.9%; P=0.01 ).

Nessun paziente si è ritirato a causa di effetti avversi. Non ci sono state differenze negli eventi avversi tra i gruppi, tranne un maggiore disagio cutaneo al sito di applicazione nel gruppo con anchilostomi ( 82% vs 28% ).

Ci sono state 5 recidive ( 14.3% ) nel gruppo con anchilostomi rispetto a 11 ( 30.6% ) nel gruppo trattato con placebo.

Il trattamento con anchilostomi è risultato sicuro e ben tollerato.

L'esito primario non ha raggiunto la significatività, probabilmente a causa di un basso livello di attività di malattia.

L'infezione da anchilostomi ha aumentato le cellule T regolatorie, suggerendo un effetto immunobiologico dell'anchilostoma.
Sembra che un organismo vivente possa precipitare i cambiamenti immunoregolatori che possono influenzare l'attività della sclerosi multipla. ( Xagena2020 )

Tanasescu R et al, JAMA Neurol 2020; 77: 1089-1098

Neuro2020



Indietro