Neurobase.it
Tumori testa-collo
XagenaNewsletter
Medical Meeting

Studio comparativo , randomizzato , di diversi regimi di trattamento con Interferone beta-1a nella sclerosi multipla ( The EVIDENCE Trial )



L'Interferone beta (IFN ß) riduce nei pazienti con Sclerosi Multipla recidivante-remittente la frequenza di ricadute, l'attività della malattia alla Risonanza Magnetica ( RM ) ed ha un effetto nel rallentare la progressione della disabilità.
Tuttavia schema posologico maggiormente efficace.
Uno studio, randomizzato, controllato, eseguito in cieco, multicentrico, ha cercato di definire lo schema posologico più efficace dell'Interferone beta-1a .
E' stata confrontata l'efficacia, la tollerabilità e la sicurezza, dell'IFN ß 1a ( Rebif ) 44 mcg SC ( per via sottocutanea ) tre volte a settimana rispetto all'IFN ß 1a ( Avonex ) 30 mcg IM ( per via intramuscolare ) una volta a settimana in 677 pazienti affetti da sclerosi multipla recidivante-remittente.
L'end point dello studio consisteva nel valutare la percentuale dei pazienti liberi da ricadute a 24 settimane. L'end point secondario era rappresentato dal numero di lesioni attive per paziente e per scansione alla Risonanza Magnetica , sempre a 24 settimane.
Dopo 24 settimane, il 74,9% ( 254/339 ) dei pazienti che hanno ricevuto Rebif 44 mcg SC tre volte a settimana è risultato libero da ricadute rispetto al 63,3% ( 214/338 ) dei pazienti trattati con IFN ß 1a ( Avonex ) 30 mcg IM una volta a settimana.
L'odds ratio di rimanere liberi da ricadute è stato pari all'1.9 ( 95% CI, 1.34 - 2.6; p=0.0005 ) a 24 settimane e all'1.5 ( 95% CI, 1.1 - 2.1; p=0.009 ) a 48 settimane, in favore di Rebif 44x3.
I pazienti che hanno assunto Interferone 44mcgx3 hanno presentato una ridotta attività alla Risonanza Magnetica con un minor numero di lesioni attive ( p


Indietro