Vertigini
Neurobase.it
Xagena Mappa
Tumori testa-collo

Sicurezza, tollerabilità e attività delle cellule staminali mesenchimali rispetto al placebo nella sclerosi multipla: studio MESEMS


Le cellule staminali mesenchimali ( MSC ), note anche come cellule stromali mesenchimali, sono state proposte come un'opzione terapeutica promettente per le persone con sclerosi multipla sulla base delle proprietà immunomodulatorie e neuroprotettive.

Lo studio MESEMS ( MEsenchymal StEm cells for Multiple Sclerosis ) è stato ideato per valutare la sicurezza, la tollerabilità e l'attività delle cellule MSC autologhe derivate dal midollo osseo e infuse per via endovenosa nei pazienti con sclerosi multipla attiva.

MESEMS è uno studio randomizzato di fase 2 condotto in 15 centri in 9 Paesi, che ha incluso i pazienti di età compresa tra 18 e 50 anni con sclerosi multipla attiva recidivante-remittente o progressiva, con una durata della malattia di 2-15 anni dall'insorgenza della sclerosi multipla e un punteggio EDSS ( Expanded Disability Status Scale ) di 2.5-6.5.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale, secondo un disegno crossover, a ricevere una singola dose endovenosa di cellule MSC autologhe derivate dal midollo osseo seguita da placebo alla settimana 24, o a ricevere placebo seguito da cellule MSC autologhe alla settimana 24, con una visita di follow-up alla settimana 48.

Gli obiettivi primari erano testare la sicurezza e l'attività del trattamento con cellule staminali mesenchimali.

L'endpoint primario di sicurezza era valutare il numero e la gravità degli eventi avversi all'interno di ciascun braccio di trattamento.
L'endpoint primario di efficacia era il numero di lesioni captanti il Gadolinio contate nelle settimane 4, 12 e 24 rispetto ai gruppi di trattamento.

Dal 2012 al 2019, 144 pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere prima una infusione endovenosa precoce di cellule staminali mesenchimali autologhe derivate dal midollo osseo ( n=69 ) oppure placebo ( n=75 ).

Il trattamento con cellule staminali mesenchimali non ha raggiunto l'endpoint primario di efficacia sul numero totale di lesioni captanti il Gadolinio dal basale alla settimana 24 ( rate ratio, RR=0.94; P=0.78 ).
Sono stati registrati 213 eventi avversi, distribuiti in modo simile tra i gruppi ( 93 casi registrati in 35 pazienti su 69, 51%, trattati con cellule MSC versus 120 casi in 42 pazienti su 75, 56%, infusi con placebo ).

Gli eventi avversi più frequenti segnalati sono stati infezioni e infestazioni, con un totale di 54 ( 25% ) eventi avversi su 213 ( 18 su 93, 19%, nel gruppo con cellule MSC precoce e 36 su 120, 30%, nel gruppo con cellule MSC ritardate ).

Sono stati segnalati 9 eventi avversi gravi in 7 pazienti trattati con placebo rispetto a nessuno nel gruppo cellule MSC.
Tutti gli eventi avversi gravi sono stati considerati non correlati all'infusione del trattamento.

Non sono stati segnalati decessi durante lo studio.

Il trattamento con cellule staminali mesenchimali derivate dal midollo osseo è risultato sicuro e ben tollerato ma non ha mostrato un effetto sulle lesioni captanti il Gadolinio, un marker surrogato della risonanza magnetica di infiammazione acuta, in pazienti con forme attive di sclerosi multipla, alla settimana 24.

Pertanto, questo studio non supporta l'uso di cellule staminali mesenchimali derivate dal midollo osseo per il trattamento della sclerosi multipla attiva.
Ulteriori studi dovrebbero affrontare l'effetto delle cellule MSC sui parametri relativi alla riparazione dei tessuti. ( Xagena2021 )

Uccelli A et al, Lancet Neurology 2021; 20: 917-929

Neuro2021 Med2021



Indietro