Vertigini
Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa

Rischio di eventi macrovascolari e mortalità tra le persone con sclerosi multipla


Le persone con sclerosi multipla presentano un aumentato rischio di malattie cardiovascolari e di mortalità; tuttavia, le evidenze da studi basati sulla popolazione sono scarse.

Si è valutato se il rischio di eventi macrovascolari e di mortalità differisse tra le persone con sclerosi multipla rispetto a una popolazione abbinata senza questa patologia in Inghilterra.

È stato condotto uno studio di coorte abbinato retrospettivo basato sulla popolazione nelle cliniche registrate presso il Clinical Practice Research Datalink in Inghilterra tra il 1987 e il 2018, con un follow-up medio di 11.3 anni.

In totale 12.251 pazienti con sclerosi multipla sono stati abbinati a un massimo di 6 persone senza questa patologia neurologica ( n=72.572 ) per età, sesso e clinica generale.
Sono state incluse le persone con 3 o più diagnosi di sclerosi multipla registrate durante il periodo di studio.
La prima diagnosi di sclerosi multipla è stata considerata come data indice.

Gli esiti principali erano sindrome coronarica acuta, malattia cerebrovascolare, qualsiasi malattia macrovascolare inclusa l'arteriopatia periferica e la mortalità ( mortalità per qualsiasi causa e mortalità specifica per malattie cardiovascolari ).

In totale 12.251 persone con sclerosi multipla ( 66.9% donne; età media 44.9 anni ) sono state abbinate a 72.572 persone senza questa patologia ( 69.8% donne; età media 44.9 anni ).

Rispetto alle persone senza sclerosi multipla, le persone con sclerosi multipla sono risultate associate a un aumento del 28% del rischio di sindrome coronarica acuta ( hazard ratio HR, 1.28 ), un aumento del 59% del rischio di malattia cerebrovascolare ( HR, 1.59 ), un aumento del 32% del rischio di qualsiasi malattia macrovascolare ( HR, 1.32 ), un aumento di 3.5 volte del rischio di mortalità per tutte le cause ( HR, 3.46 ) e un aumento di 1.5 volte del rischio di mortalità per malattie cardiovascolari ( HR, 1.47 ).

Le differenze negli eventi macrovascolari sono state più pronunciate tra le donne rispetto agli uomini.
Anche il rischio di mortalità è stato più alto per le donne rispetto agli uomini.

Il trattamento con farmaci ipolipemizzanti, principalmente statine, è stato associato a tassi di mortalità più bassi tra le persone con sclerosi multipla.

Lo studio ha indicato che la sclerosi multipla è associata a un aumento del rischio di malattie cardiovascolari e cerebrovascolari che non è completamente giustificato dai tradizionali fattori di rischio vascolare.
Dati gli effetti avversi di queste comorbilità sugli esiti nei pazienti con sclerosi multipla, sono necessarie ulteriori indagini. ( Xagena2020 )

Palladino R et al, JAMA Neurol 2020; 77: 820-828

Neuro2020 Cardio2020



Indietro