Vertigini
Neurobase.it
Xagena Mappa
Tumori testa-collo

Rischio di disabilità persistente nei pazienti con sclerosi multipla a esordio pediatrico


La disponibilità di nuove terapie modificanti la malattia ( DMT ) e i cambiamenti dei paradigmi terapeutici hanno portato a un miglioramento generale della prognosi della sclerosi multipla negli adulti.
Non è ancora chiaro se questo miglioramento coinvolga anche i pazienti con sclerosi multipla a esordio pediatrico ( POMS ), la cui gestione precoce è più impegnativa.

Sono stati valutati i cambiamenti nella prognosi della sclerosi POMS nel tempo in associazione con i cambiamenti negli standard terapeutici e gestionali in uno studio retrospettivo, multicentrico, osservazionale.

I dati sono stati estratti e raccolti a maggio 2019 dal Registro della sclerosi multipla italiano, un database digitale che include oltre 59.000 pazienti.
I criteri di inclusione erano l'insorgenza della sclerosi multipla prima dei 18 anni, la diagnosi prima di gennaio 2014 e la durata della malattia di almeno 3 anni.

I criteri di esclusione erano la sclerosi multipla primariamente progressiva, il punteggio EDSS ( Expanded Disability Status Scale ) di almeno 8 un anno dopo l'esordio, l'indisponibilità della data della diagnosi e meno di 2 valutazioni del punteggio EDSS.
I pazienti idonei erano 4.704 pazienti con sclerosi POMS.
Secondo questi criteri, sono stati arruolati 3.198 pazienti, e ne sono stati esclusi 1.506.

È stato confrontato il tempo per raggiungere diversi traguardi di disabilità in base all'epoca della diagnosi di sclerosi multipla ( prima del 1993, 1993-1999, 2000-2006 e 2007-2013 ), aggiustando per possibili fattori confondenti legati alle valutazioni EDSS e all'attività clinica della malattia.

È stata quindi analizzata la differenza tra le 4 epoche di diagnosi per quanto riguarda le caratteristiche demografiche, l'attività clinica della malattia all'esordio e la gestione delle terapie modificanti la malattia.

I diversi traguardi di disabilità sono stati il punteggio EDSS di 4.0 e 6.0, confermato nella valutazione clinica seguente e nell'ultima visita disponibile.

Sono stati arruolati 3.198 pazienti con sclerosi POMS ( età media all'esordio, 15.2 anni; 69% femmine; tempo mediano alla diagnosi, 3.2 anni; tasso di recidiva annualizzato nei primi 1 e 3 anni, rispettivamente 1.3 e 0.6 ), con un follow-up medio di 21.8 anni.
I tempi di sopravvivenza mediani per raggiungere il punteggio EDSS di 4.0 e 6.0 sono stati di 31.7 e di 40.5 anni.

Il rischio cumulativo di raggiungere i traguardi di disabilità è diminuito gradualmente nel tempo, sia per il punteggio EDSS di 4.0 ( hazard ratio, HR=0.70 nel 1993-1999; HR=0.48 nel 2000-2006; e HR=0.44 nel 2007-2013 ) sia di 6.0 ( HR=0.72; HR=0.44; e HR=0.30 ).

In epoche successive di diagnosi, un numero maggiore di pazienti con sclerosi multipla a insorgenza pediatrica è stato trattato con terapie modificanti la malattia, in particolare farmaci ad alta potenza, che sono stati somministrati prima e per un periodo più lungo.

Nella sclerosi multipla a insorgenza pediatrica, il rischio di disabilità persistente è stato ridotto dal 50% al 70% nelle recenti epoche di diagnosi, probabilmente a causa del miglioramento degli standard terapeutici e gestionali. ( Xagena2021 )

Baroncini D et al, JAMA Neurol 2021; 78: 726-735

Neuro2021 Pedia2021



Indietro