Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Natalizumab durante la gravidanza e l'allattamento


La gestione dei farmaci durante la gravidanza e l'allattamento nei pazienti con sclerosi multipla deve bilanciare i potenziali rischi per il neonato con i rischi sostanziali dell’attività di malattia in corso.

È stato valutato il potenziale trasferimento di Natalizumab ( Tysabri ) nel latte materno e nel siero dei neonati nelle donne che hanno continuato il trattamento con Natalizumab durante la gravidanza e l'allattamento.

Campioni di siero di 11 coppie madre-bambino e campioni di latte materno di altre 4 donne sono stati analizzati per Natalizumab libero utilizzando un test FACS ( fluorescence-activated cell sorting ) basato su cellule HL60.
Due coppie madre-bambino sono state analizzate per Natalizumab legato ai recettori cellulari, espressione di VLA-4 e saturazione del recettore con Natalizumab sulle cellule immunitarie mediante analisi FACS.

Nella maggior parte delle coppie di siero madre-bambino ( 6/11 ) e in tutti i campioni di latte materno, era rilevabile Natalizumab libero.

Natalizumab legato ai recettori delle cellule era misurabile nelle coppie madre-bambino con livelli significativamente più elevati nei bambini.

L'espressione di VLA-4 è sembrata essere più alta nei neonati.

La saturazione con Natalizumab era paragonabile tra neonati e madri.

In conclusione, Natalizumab può passare la barriera placentare prima del parto e nel latte materno. Natalizumab misurabile sui linfociti neonatali può avere un impatto funzionale.
Sono necessarie ulteriori indagini per chiarire la sicurezza e il rischio di esposizione a Natalizumab durante la gravidanza e l'allattamento. ( Xagena2018 )

Proschmann U et al, Multiple Sclerosis Journal 2018; 24: 1627-1634

Neuro2018 Gyne2018 Pedia2018 Farma2018


Indietro