Vertigini
Neurobase.it
Xagena Mappa
Tumori testa-collo

Interferone beta-1a e Natalizumab in combinazione per il trattamento della sclerosi multipla


Lo studio clinico coordinato dal St. Joseph's Hospital and Medical Center di Phoenix ha preso in esame 38 pazienti affetti da sclerosi multipla recidivante-remittente che hanno ricevuto 3 mg/kg o 6 mg/kg di Natalizumab ( Antegren ), come singola infusione endovenosa, durante un trattamento con Interferone beta-1a 30microg ( Avonex ), somministrato per via intramuscolare.

L’obiettivo era quello di valutare l’interazione farmacocinetica tra Natalizumab ed Interferone beta-1a , e l’effetto del Natalizumab sull’Interferone beta-1a .

In generale, Natalizumab non ha prodotto effetti clinicamente rilevanti sulle proprietà farmacocinetiche e faramacodinamiche dell’ Interferone beta-1a.

La presenza di anticorpi contro Interferone beta-1a e Natalizumab è risultata relativamente bassa.

Lo studio ha fornito dati di sicurezza, di immunogenicità, di farmacocinetica e di farmacodinamica a sostegno di una strategia combinata, Natalizumab ed Interferone beta-1a, nel trattamento dei pazienti affetti da sclerosi multipla recidivante-remittente. ( Xagena2004 )

Vollmer T L et al, Mult Scler 2004 ; 10 : 511-520

Neuro2004 Farma2004


Indietro