Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Effetto dell'età durante la pubertà sul rischio di sclerosi multipla


È stato studiato il potenziale per un effetto causale dell'età durante la pubertà sulla suscettibilità alla sclerosi multipla usando un approccio di randomizzazione mendeliana ( MR ).
Sono state usate 372 varianti genetiche fortemente associate all'età del menarca in uno studio di associazione su tutto il genoma ( GWAS ) che ha coinvolto 329.245 donne.
L'architettura genetica del timing puberale tra i due sessi è altamente correlata ( correlazione genetica rg=0.75, P=1.2 X 10-79 ), consentendo a queste varianti di fornire una visione attendibile dei tempi puberali anche nei maschi.

L'effetto dei tempi puberali sul rischio di sclerosi multipla è stato misurato con statistiche riassuntive di un GWAS di 14.802 casi con sclerosi multipla e 26.703 controlli dell’International Multiple Sclerosis Genetics Consortium ( IMSGC ).
La MR multivariata che controlla gli effetti dell'indice di massa corporea ( BMI ) utilizzando i dati genetici di consorzi aggiuntivi ha studiato se gli effetti puberali sulla sclerosi multipla fossero dipendenti dal peso.

Un aumento di 1 anno nell'età prevista geneticamente durante la pubertà ha ridotto le probabilità di sclerosi multipla dell'8% ( odds ratio, OR 0.92, P=0.03 ).
Tuttavia, l'analisi MR multivariata ha mostrato che, dopo aver tenuto conto degli effetti su BMI degli adulti, l'associazione dell'età alla pubertà con la suscettibilità alla sclerosi multipla si è attenuata ( OR 0.96, P=0.36 ).
Risultati simili sono stati ottenuti quando è stato incorporato l'indice BMI dell'infanzia.
Le analisi di sensibilità non hanno fornito evidenze di bias maggiori della pleiotropia genetica.

È stata trovata conferma di una associazione tra età superiore durante la pubertà e riduzione del rischio di sclerosi multipla con una grandezza paragonabile a quella riportata negli studi osservazionali.
Questo effetto sembra essere ampiamente mediato dalla forte associazione tra l'età della pubertà e l'obesità.
È improbabile un grande effetto causale del timing puberale indipendente dall'indice BMI. ( Xagena2019 )

Harroud A et al, Neurology 2019; 92: e1803-e1810

Neuro2019 Pedia2019



Indietro