Amsterdam congress
Tumori testa-collo
XXIII World Congress of Neurology
XVII Congresso Nazionale SIRN

Danno epatico dopo terapia pulsata con Metilprednisolone nei pazienti con sclerosi multipla


In letteratura sono stati riportati casi di danno epatico da Metilprednisolone pulsato ad alto dosaggio, ma uno studio prospettico in pazienti con sclerosi multipla non era mai stato effettuato.
Sono state valutate la prevalenza e la gravità del danno epatico in pazienti con sclerosi multipla dopo terapia con Metilprednisolone pulsato.

È stato effettuato uno studio prospettico osservazionale in un singolo Centro su pazienti con sclerosi multipla trattati con Metilprednisolone per via endovenosa 1.000 mg/die per 5 giorni.
È stata testata la funzionalità epatica prima e due settimane dopo il trattamento.
In caso di grave danno epatico, definito secondo la legge di Hy, è stato eseguito un ampio esame epatologico.

Durante un periodo di osservazione di 12 mesi, sono stati raccolti dati su 251 cicli di trattamento steroideo endovenoso di 175 pazienti con sclerosi multipla.

Dopo aver escluso 8 cicli che presentavano un'alterazione basale dei test epatici biochimici, è stata osservata una prevalenza dell'8.6% delle lesioni epatiche nei pazienti con sclerosi multipla trattati con Metilprednisolone pulsato per recidive cliniche e neuroradiologiche.

Nel 2.5% dei pazienti, la lesione epatica era grave secondo la legge di Hy; dopo un completo esame epatologico, 3 di loro hanno ricevuto una diagnosi di danno epatico indotto da farmaci e gli altri 3 di epatite autoimmune.

In conclusione, la lesione epatica dopo terapia con Metilprednisolone pulsato in pazienti con sclerosi multipla non è infrequente e si ritiene consigliabile un attento monitoraggio del livello di aminotransferasi prima del trattamento e 2 settimane dopo. ( Xagena2018 )

Nociti V et al, Brain Behav 2018; Epub ahead of print

Neuro2018 Gastro2018 Farma2018


Indietro