XVII Congresso Nazionale SIRN
Tumori testa-collo
Amsterdam congress

Sclerosi multipla: formazione di anticorpi anti-Interferone-beta e anti-Natalizumab


L’immunogenicità dei prodotti biofarmaceutici nella sclerosi multipla è un effetto collaterale frequente che ha un'eziologia multifattoriale.

Ricercatori hanno valutato le associazioni tra la formazione di anticorpi anti-farmaco e i fattori demografici e clinici.
I dati retrospettivi dai laboratori per la ricerca di routine di anticorpi anti-farmaco in Svezia, Danimarca, Austria e Germania ( gruppo Dusseldorf ) e da uno studio di ricerca in Germania ( gruppo Munich ) sono stati raccolti per costruire un set di dati multi-coorte nel quadro del Progetto ABIRISK.

Un sottogruppo di 5638 pazienti trattati con Interferone-beta e 3440 pazienti trattati con Natalizumab, con dati per almeno i primi due anni di trattamento, erano idonei per l'analisi tempo all’evento.

Alla regressione di Cox multivariata, i pazienti trattati con Interferone beta-1a per via sottocutanea e Interferone beta-1b per via sottocutanea erano a più alto rischio di formazione di anticorpi anti-farmaco, rispetto ai pazienti trattati con Interferone beta-1a per via intramuscolare ( hazard ratio aggregato, HR=6.4; IC 95%, 4.9-8.4 e HR aggregato= 8.7, IC 95%, 6.6-11.4, rispettivamente ).

I pazienti di età superiore a 50 anni all'inizio della terapia con Interferone-beta hanno sviluppato anticorpi anti-farmaci più frequentemente rispetto ai pazienti adulti di età inferiore a 30 ( HR aggregato = 1.8; IC 95%, 1.4-2.3 ).

Gli uomini hanno sviluppato anticorpi anti-farmaco più frequentemente rispetto alle donne ( HR aggregato = 1.3; IC 95%, 1.1-1.6 ).

I ricercatori hanno osservato che in Svezia e in Germania, i pazienti che hanno iniziato il trattamento con Interferone-beta in aprile erano a più alto rischio di sviluppare anticorpi anti-farmaco ( HR=1.6; IC 95%, 1.1-2.4 e HR=2.4, 95% CI, 1.5-3.9, rispettivamente ).
Questo risultato non è stato confermato nelle altre coorti e sono necessarie ulteriori indagini.

Per quanto riguarda Natalizumab, i pazienti di età superiore a 45 anni hanno avuto un tasso più elevato di anticorpi anti-farmaco ( HR aggregato = 1.4; IC 95%, 1.0-1.8 ) e le donne hanno sviluppato anticorpi anti-farmaco più frequentemente degli uomini ( HR aggregato = 1.4; IC 95%, 1.0-2.0 ).

I ricercatori hanno confermato le differenze precedentemente segnalate di immunogenicità dei diversi tipi di Interferone-beta.
Le differenze di formazione di anticorpi anti-farmaco per sesso ed età sono riportate in questo studio per la prima volta.
Questi risultati devono essere ulteriormente studiati tenendo conto delle altre esposizioni e dei biomarcatori. ( Xagena2016 )

Bachelet D et al, PLoS One 2016; 11 (11): e0162752. doi: 10.1371 / journal.pone.0162752. eCollection 2016

Neuro2016 Farma2016


Indietro