Neurologia
OncologiaMedica.net
Ematologia.net

Mobilizzazione emopoietica come potenziale biomarcatore di risposta a Natalizumab nella sclerosi multipla


Si è cercato di accertare la mobilizzazione dal midollo osseo e la rilevanza funzionale del maggiore numero di staminali ematopoietiche e progenitrici circolanti ( cellule HSPC ) indotta dall’anticorpo anti-alfa-4 integrina, Natalizumab ( Tysabri ), nei pazienti con sclerosi multipla.

È stata valutata la frequenza CD45low CD34+ HSPC mediante citometria di flusso nel sangue di 45 pazienti trattati con Natalizumab ( 12 dei quali sono stati seguiti in modo prospettico durante il primo anno di trattamento, come parte di un gruppo pilota, e 16 prospetticamente seguiti per la convalida ), 10 pazienti non-trattati con sclerosi multipla, e 24 donatori sani.
Nel gruppo trattato con Natalizumab, è stato anche valutato lo stato del ciclo cellulare HSPC, le frequenze di sottopopolazione dei linfociti B e T ( n=29 ), e il potenziale di differenziazione di HSPC ( n=10 ).

Le cellule progenitrici e cellule staminali ematopoietiche circolanti Natalizumab-indotte erano prevalentemente quiescenti, indicando una recente mobilizzazione dal midollo osseo, e sono state in grado di differenziarsi ex vivo.

I numeri di cellule HSPC circolanti sono risultati significativamente aumentati durante la somministrazione di Natalizumab, ma eterogenei, permettendo la stratificazione di sottogruppi mobilizzatori e non-mobilizzatori.

Lo stato di non-mobilizzatore è risultato associato alla persistenza di attività della malattia durante il trattamento.

La frequenza delle cellule B e delle cellule T regolatorie CD103+CD8+ è risultata persistentemente aumentata, in modo più significativo nei pazienti mobilizzatori, che hanno anche mostrato un profilo specifico di cellule B di memoria / cellule B naive.

In conclusione, i dati suggeriscono che l’aumento di cellule HSPC circolanti indotto da Natalizumab è il risultato di una vera mobilizzazione dal midollo osseo e ha rilevanza clinica e immunologica.
La mobilizzazione delle cellule HSPC, associata a remissione clinica e aumento della percentuale di cellule B e T regolatorie circolanti, può contribuire alla modalità del trattamento di azione; quindi, la conta ematica delle cellule HSPC potrebbe rappresentare un biomarcatore precoce di reattività a Natalizumab. ( Xagena2015 )

Mattoscio M et al, Neurology 2015; 84: 1473-1482

Neuro2015 Farma2015


Indietro